L’ elaborazione di una foto con Canon DPP + GIMP

Crop, ritaglio, selezione, riduzione rumore  e clonazione!

Veniamo  ora alle ulteriori regolazioni con le quali possiamo “manipolare” al meglio la nostra fotografia.

 

Crop e ritaglio

Se l’immagine è di buona qualità ma  il soggetto rimane troppo “distante” è possibile cercare di avvicinarlo un poco eseguendo un “crop”

Questa tecnica, la quale porta nella maggior parte dei casi ad uno scadimento qualitativo dell’immagine,  si esegue nel seguente modo:

Nella parte inferiore sinistra  è presente un piccolo selettore:

px

Aprendo immagini di dimensioni ben superiori alla finestra i livello di “%” sarà inferiore al 100%, nel caso del jpg generato dal raw la percentuale si attesta attorno al 18%

Se aumentiamo tale valore, ad esempio al 30%, otterremo una immagine più ravvicinata ma ovviamente con un campo più ridotto.

Se la qualità della foto è di buon livello un crop parziale è accettabile mentre un crop al 100% è quasi sempre difficilmente utilizzabile con profitto (ma in questo caso entra in “gioco” anche l’obiettivo utilizzato, la reflex, la tipologia di sensore e molte altre variabili); ecco alcune immagini d’esempio:

Crop al 30%
Crop al 30%

 

Crop al 100%
Crop al 100%

 

Come potete vedere un crop al 100% porta in risalto ogni minimo difetto, sfocatura, rumore di fondo o  “problema” della fotografia.

Nel mio caso ho deciso di proseguire con un crop al 30% “tagliando” l’immagine in eccesso.

Per ritagliare l’immagine, che dovrebbe rimanere “fuori” dalla visuale di GIMP si può utilizzare lo strumento “Ritaglia”

ritaglio

Una volta attivato permette di  selezionare una area specifica della foto (in questo caso l’ingrandimento) e con un semplice click… voilà: immagine ritagliata!

 

Selezione

Vediamo ora come selezionare una determinata area utile se, ad esempio, vogliamo regolare il contrasto o ridurre le rumorosità in una determinata area della foto.

Nel caso della fotografia naturalistica nel 99% dei casi lo strumento che si andrà ad utilizzare  sarà “Strumento selezione a mano libera” (LAZO)

GIMP seleziona a mano libera

Questo strumento offre grandi potenzialità e controllo!

Nella fotografia che stiamo sviluppando “assieme” vorrei, ad esempio, ridurre il (poco) rumore solo dallo sfondo lasciando inalterato il soggetto principale del passero.

Le prime cosa che consiglio  sono:

  1. aumentare l’ingrandimento dell’immagine (per avere una gestione più precisa della selezione)
  2. Spuntare l’opzione “Margini sfumati” impostando un valore tra il “5,0” ed il “10,0” al fine di ottenere una immagine omogenea senza “scalini” o aloni dal contrasto differente.

Per iniziare a selezionare basta  cliccare sul  punto di inizio: apparirà un piccolo cerchietto.

Ora proseguiamo selezionando il bordo della parte da selezionare facendo attenzione a non “sforare” oppure uscire troppo dal margine desiderato.

selezionare l'area con GIMP

Se per caso sbagliate  uno o più  punti ricordatevi che, utilizzando il pulsante “Backspace” è possibile annullare i punti !

Attenzione a non cliccare due volte velocemente sul mouse altrimenti il programma tenterà di completare la selezione (con scarsi risultati..) automaticamente e si dovrà ripetere  l’operazione!

Una volta completato il “percorso” basterà ricliccare con il mouse sul primo punto e la selezione si attiverà (si vedrà un contorno bianco/nero attorno all’area)

area selezionata

A questo punto ricordo che:

  • Se si variano dei parametri (colore, luminosità, contrasto, ecc,ecc) ORA VERRANNO VARIATI SOLO ALL’INTERNO DELL’AREA SELEZIONATA
  • Se si desidera variare il resto dell’immagine lasciando inalterata la porzione selezionata si dovrà usare l’opzione “Seleziona >  Inverti”.

 

Riduzione del rumore

Adesso, dopo aver selezionato il soggetto ed aver invertito la selezione attiva, siamo pronti per ridurre il rumore dell’immagine; in questo esempio dal solo background .

Per avere lo strumento per la riduzione del rumore su  GIMP dobbiamo avere installato il componente aggiuntivo G’MIC: vi rimando al sito ufficiale gmic.eu per maggiori informazioni e sulle procedure di installazione.

Per avviare lo strumento di riduzione del rumore cliccare su “Filtri > G’MIC …”

Si aprirà la “corposa” scheda di G’MIC, ignoriamo le  decine di opzioni e limitiamoci a selezionare la voce “repair > lain’s noise reduction”

gmic noise reduction

Da questa schermata si potranno decidere le varie opzioni del filtro di rimozione del rumore vedendone un’anteprima nel riquadro in alto a sinistra.

Una volta soddisfatti possiamo cliccare su “applica” e, dopo una attesa che può durare anche parecchi secondi, su “OK”.

Nell’immagine dell’esempio il rumore era pressoché inesistente, per dare una idea più precisa delle potenzialità di questo filtro  vi mostro questo esempio: la foto di Jess M. McKenzie  intitolata “Daily Junco”  prelevata dal portale www.birdphotographers.net di cui mi sono occupato della rimozione rumore ed eliminazione tramite lo strumento di clonazione del filo spinato che era di fronte al soggetto:

riduzione rumore
foto di Jess M. McKenzie

Come si può ben vedere il filtro rende l’immagine molto più “pulita” e gradevole alla vista!

2
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
1 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
Gianluca MolinaRenzo Nichele Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Renzo Nichele
Ospite
Renzo Nichele

Discreto lavoro complimenti, a mio parere dovresti lavorare di più sui contorni rendendoli meno netti sfuocandoli.

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizza cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy.